Ecco le 5 industrie messe in crisi dai gusti dei millennial:

Negli Stati Uniti gli esperti ritengono che queste cinque industrie stiano vivendo una crisi a causa delle abitudini di acquisto dei ventenni e trentenni

Gli esperti ritengono che le abitudini dei millennial (i ventenni e trentenni nati tra gli anni ’80 e la fine dei ’90) siano la principale causa di crisi di diversi settori industriali nel mercato statunitense. Ecco 5 industrie che potrebbero vedere calare il loro giro d’affari, secondo una ricerca del fornitori di dati e analisi Cb Insight.

1. Tv via cavo

Nel mondo dell’intrattenimento i millennial rappresentano il nucleo centrale degli utenti dei servizi di streaming (circa il 61% del totale negli Stati Uniti). Questo è anche dovuto a causa dei prezzi: mentre un abbonamento medio al via cavo costa ancora 85 dollari al mese circa, un abbonamento a un servizio come Netflix ne costa tra i 9 e 16, dando accesso a un’offerta maggiore e più personalizzabile.

2. Palestre

Stesso identico problema si riscontra con il progressivo calo degli abbonamenti alle palestre. I millennial preferiscono esercizi e attività di fitness in classi o gruppi anziché attività individuali, e sono disposti anche a pagare di più pur di avere un’esperienza comune e più personalizzata.

3. Centri commerciali e grandi magazzini

Anche l’universo dei consumi riscontra modifiche significative. Secondo le ultime stime, più di mille grandi magazzini americani chiuderanno i battenti nei prossimi 5-6 anni. I millennials comprano soprattutto sui siti di ecommerce, negli outlet o in negozi più piccoli, invece che nei grandi magazzini tradizionali.

4. Cereali

I produttori di cereali per la colazione hanno perso circa il 15% negli ultimi dieci anni e i grandi marchi additano come causa principale il fatto che una colazione a base di latte e cereali non si adatta più alla vita frenetica e salutista che seguono molti giovani, i quali preferirebbero consumare snack leggeriyogurt magri e cibi già pronti molto più sani.

5. Formaggio industriale

Altro prodotto alimentare bandito nelle diete dei ventenni e trentenni è il formaggio prodotto secondo metodi industriali. I millennial vogliono invece formaggi prodotti in modo più naturale da aziende biologiche locali. Rispetto a un costante calo delle vendite di formaggi industriali, i formaggi prodotti in modo artigianale hanno registrato un aumento delle vendite del 40% negli ultimi 14 anni.

Lascia un commento

Commenti momentaneamente chiusi per manutenzione del sito.