Tutti pazzi per Air Pix, il drone per i “selfie volanti”

Più piccolo di uno smartphone (pesa 52 grammi), si comanda coi gesti e offre un’autonomia doppia e nuove funzioni che facilitano gli autoscatti creativi

Con l’andare degli anni la voglia di autoscatti non fa che crescere in continuazione tanto che, oltre ai notevoli passi in avanti degli obiettivi frontali degli smartphone e al periodo d’oro dei selfie stick, sul mercato ora arrivano modelli di fotocamere per tutti i gusti. Una delle aziende che si è fatta notare per i particolari scatti garantiti è stata AirSelfie, che dopo il suo primo microdrone ha provveduto a migliorare lo sviluppo fino a lanciare Air Pix.

Air Pix sfrutta il concetto delle versioni precedenti permettendo di ottenere immagini e clip aeree in maniera semplice. A marcare la differenza con il passato sono alcune funzioni, come SYNControl, che consente di guidare il volo con i gesti e senza passare da telefono e app, e la tecnologia Capture Me che grazie al moto automatico del drone assicura molteplici scatti e video prolungati prima di tornare al luogo d’origine. Altra opportunità di gestione è il volo autonomo One-Touch, che prevede il lancio in aria di Air Pix e la pressione su un pulsante per assicurarsi selfie unici.

Dotato di quattro motori a spazzole, un sensore di 12 megapixel e capace di filmare video Full Hd a 30 fps, conta su 8 Gb di memoria via microSd, un’autonomia di sei minuti (il doppio dei primi modelli) che si prolunga in automatico inserendo la fotocamera tascabile nella base di ricarica enAIRgy, supporta lo streaming-live su Facebook e offre un software per ritoccare le foto e video. Con quasi 900mila euro raccolti con due campagne di crowdfunding, Air Pix si può acquistare e ricevere a 79 euro.

Lascia un commento

Commenti momentaneamente chiusi per manutenzione del sito.